Most Popular


Croazia, profugo di9 anni "tenta" il suicidio
Non voleva davvero uccidersi, un bambino di appena 9 anni non pu sapere cos' il suicidio.Macertoildoloreche ha vissuto statocos ... ...





AMERICA/GUATEMALA - Dopo le ultime decisioni dell’esecutivo il paese è diviso, i Vescovi invitano a evitare violenza e sangue

Rated: , 0 Comments
Total hits: 0
Posted on: 09/14/18
Città del Guatemala – Come altri paesi dell’America latina, anche il Guatemala celebra la festa dell'indipendenza nazionale domani, 15 settembre. Nell'occasione la Conferenza Episcopale del paese ha pubblicato un Messaggio nel contesto del “Mese della Patria”. Prendendo spunto dal versetto del libro dei Proverbi “Ascolta, figlio mio, l'istruzione di tuo padre e non disprezzare l'insegnamento di tua madre”, i Vescovi invitano a riflettere su come rispondere in modo responsabile all'insegnamento di quanto ereditato, cioè "come vivere dinanzi a Dio le nostre responsabilità civili, affinché la giustizia e la pace diventino la base per convivere come popolo".
Descrivendo la situazione reale, nel messaggio, pervenuto a Fides, scrivono: "In questi giorni viviamo momenti di tensione e confronto a causa di due decisioni dell'Esecutivo: il mancato rinnovo del permesso di soggiorno alla Commissione Internazionale contro l'Impunità in Guatemala , e il divieto di reingresso a Ivan Velasquez, membro delle Nazioni Unite a capo della CICIG".
I due fatti hanno diviso non solo l'opinione pubblica ma il paese intero, per questo i Vescovi propongono: "E' necessario che la via del confronto sia superata con la promozione di un serio dialogo, per applicare il diritto ed esercitare la giustizia, come suggerito dal Procuratore nazionale".
"Chiediamo a tutti di evitare la violenza e di far scorrere il sangue" scrivono i Vescovi, che sottolineano: "La lealtà di cui parla la Scrittura, significa rispetto per la legge. Nessuno è superiore alla legge, è un chiaro principio che coinvolge tutti".
I Vescovi concludono invitando a celebrare il 15 settembre anche Nostra Signora dei Dolori, di cui ricorre la festa liturgica, chiedendo la forza di amare il Guatemala e servirlo nella verità e nella giustizia, non cercando il conflitto per risolvere i problemi.
La situazione in Guatemala ha causato preoccupazione anche a livello internazionale: "Esprimiamo il nostro dispiacere per la decisione sovrana del governo del Guatemala di non rinnovare il mandato della Cicig", si legge nella nota che, a nome del gruppo delle Nazioni Unite denominato "G13", è stata firmata da Canada, Francia, Germania, Italia, Spagna, Svezia, Svizzera e Unione Europea.
Il documento ricorda "il vitale lavoro che la CICIG svolge nella lotta contro la corruzione e l'impunità, e l'importanza che possa continuare in questo lavoro fino alla fine del mandato". I firmatari "riconoscono e apprezzano la leadership del commissario Velazquez", rammaricandosi per la decisione di non farlo rientrare nel paese. Si tratta di un “passo indietro nel rafforzamento delle istituzioni guatemalteche", scelta considerata al tempo stesso un "mancato compimento dell'accordo sottoscritto tra il Guatemala e l'Organizzazione delle Nazioni Unite".



>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?