Most Popular


Croazia, profugo di 9 anni "tenta" il suicidio
Non voleva davvero uccidersi, un bambino di appena 9 anni non può sapere cos'è il suicidio. Ma certo il dolore che ha vissuto è stato così ... ...





ASIA/TERRA SANTA - Terre confiscate e olivi centenari sradicati nella Valle di Cremisan

Rated: , 0 Comments
Total hits: 40
Posted on: 12/14/15
Beit Jala - Sono passati cinque mesi da quando la terra nella zona di Beir Onah, accanto al monastero di Cremisan, è stata confiscata dallo Stato di Israele. Ad agosto, i bulldozer hanno sradicato 50 olivi di oltre 1500 anni per continuare la costruzione del muro di separazione. Un resoconto degli ultimi sviluppi del “caso Cremisan”, connesso alla costruzione del muro di separazione imposto dalle autorità israeliane e costruito in buona parte su terre palestinesi, è stato diffuso dai media ufficiali del Patriarcato latino. Alla vicenda fa riferimento anche padre Aktham Hijazin, parroco di Beit Jala, nella lettera di Natale diffusa tra i suoi parrocchiani.
In questi ultimi tre mesi - si legge tra l'altro nel resoconto - sono state sospese sia le manifestazioni di protesta, sia la recita del Rosario e le celebrazioni liturgiche che si svolgevano ogni settimana nei pressi del Muro di separazione, a causa della violenza e delle tensioni in Terra Santa e per garantire la sicurezza delle persone. Lo scorso ottobre, le forze di difesa israeliane hanno proibito agli agricoltori e ai contadini nella regione di Beir Onah la raccolta delle olive, applicando all'area la definizione di “zona militare chiusa”, mentre i bulldozer israeliani hanno continuato lo sradicamento degli ulivi.
Nella sua lettera di Natale, padre Hijazin afferma che i proprietari terrieri di Beir Onah e quelli che vivono la stessa situazione di Beit Jala versano in una situazione disperata. Ribadisce che lo sradicamento degli olivi e la confisca delle terre impediscono ai proprietari di accedere alle loro proprietà, e che occorre fare ogni tentativo possibile per fermare con mezzi legali la costruzione del muro di separazione, che serve a “acquisire più territorio e non serve per la sicurezza di Israele”. Quest’anno – scrive nella sua lettera il parroco latino di Beit Jala - il mio messaggio per il Natale è quello di cercare l’amore e la misericordia. L’amore di Dio e la Salvezza. Chiedo alle persone di amarsi, perché l’amore è la via della pace tra palestinesi e israeliani”. .

>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?