Most Popular


Croazia, profugo di 9 anni "tenta" il suicidio
Non voleva davvero uccidersi, un bambino di appena 9 anni non può sapere cos'è il suicidio. Ma certo il dolore che ha vissuto è stato così ... ...





Orban: «La Ue come l'Unione Sovietica»

Rated: , 0 Comments
Total hits: 69
Posted on: 10/25/16
L'Unione europea come l'Unione sovietica. Un paragone che può sembrare assurdo, ma che è stato fatto dal presidente ungherese Viktor Orban in occasione dei 60 anni della rivoluzione ungherese. Per lui, insomma, la Ue di Bruxelles è una specie di moderna Urss che impone agli Stati cosa fare, come faceva Mosca con le repubbliche socialiste e gli stati satellite. A dire il vero, però, Orban mentre stava facendo questo paragone per resistere alla ripartizione europea dei migranti è stato sonoramente fischiato dagli oppositori.

"È inaccettabile che l'Unione Europea sia trasformata in un impero in stile sovietico che tenta di darci ordini e di dirci con chi convivere nel nostro paese", ha detto il presidente magiaro. "Orban invoca la rivolta ungherese del 1956 nel lanciare un monito contro l'impero Ue", ha notato il Financial Times.

Nel discorso il leader è tornato ad attaccare la "burocrazia" di Bruxelles sull'emergenza immigrazione, respingendo le quote di migranti da ripartire fra i paesi Ue e la solidarietà europea che ne è alla base. Secondo Orban sarebbe in corso addirittura una "sovietizzazione" dell'Ue, che starebbe trasformandosi in un impero, gli Stati Uniti di Europa: un progetto che il leader del partito Fidesz sta contrastando in nome di una concezione dell'Europa delle nazioni sovrane. E comunque con diritto di veto sulle quote.

Orban, a conferma che il concetto non gli era sfuggito in un impeto retorico, ha definito "comunisti filosovietici" gli oppositori che durante il discorso lo hanno contestato con fischietti.

Ma perfino il quotidiano conservatore ungherese 'Magyar Nemzet', che in genere simpatizza con Orban, ha giudicato eccessivo il paragone fra la Mosca di allora e la Bruxelles di oggi: "Non vogliamo un'Europa sovranazionale nemmeno noi, ma Bruxelles non ci manderebbe mai i carri armati contro", ha ammesso il giornale levando una voce nel deserto mediatico creato dalla chiusura del più autorevole quotidiano d'opposizione ungherese, il liberale 'Nepszabadsag', soppresso due settimane fa dal proprietario austriaco. Una chiusura che un sito, una radio anti-governo e giornalisti licenziati denunciano come parte di un patto segreto dell'editore con Budapest.




>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?